Ago24

Le Comunità Terapeutiche della FICT piangono la scomparsa di Don Egidio Smacchia

Domani alle ore 11,00, a Tolfa, nella Chiesa di Sant'Egidio, sarà celebrata la funzione religiosa per salutare Don Egidio

Le Comunità Terapeutiche della FICT piangono la scomparsa di Don Egidio Smacchia

Don Egidio è stato il presidente della Federazione Italiana Comunità Terapeutiche dal  2000 al 2006, continuando anche dopo a credere e sostenere sempre lo spirito federativo. La sua filosofia portante "Insieme si può, insieme è meglio" racchiudeva in sé lo spirito che lo ha sempre contraddistinto " il camminare insieme permette di costruire risposte adeguate alla sofferenza e al disagio". Un Uomo di azione e grande spiritualità, instancabile... Non era un uomo dalle grandi parole, ciò che lo contraddistingueva era la sua determinazione nel  trasformare i sogni in azioni concrete, capace di profondi sguardi severi e dolcissimi, un padre e colonna portante  per tutti noi.

Si è spento all'età di 76 anni, pronto  a comunicare l'amore tramite il suo comportamento, sempre attento ad essere presente e a "prendersi cura" delle sofferenze dei più bisognosi. I suoi progetti, le sue azioni sono la più grande testimonianza della sua opera; la sua caparbietà, coraggio e lungimiranza sono esempi ed eredità per tutti.

Noi lo ricordiamo per la sua determinazione, per la sua signorile umiltà, per la sua spiritualità e umanità immense. Operava nella quotidianità ponendo al centro sempre la persona e agendo con il senso di gratuità. Un uomo puro di cuore con la sua idea forte di volontariato, di servizio e di condivisione, di accoglienza, di crescita... aveva sempre una parola di conforto e incoraggiamento per tutti.

Siamo vicini e ci stringiamo in un grande abbraccio a tutti i ragazzi del Centro di Solidarietà "Il Ponte" di Civitavecchia per i quali è stato una guida e un padre. Li ha amati tutti valorizzandoli nel rispetto della loro dignità e nel cammino per la ricerca del senso della vita. E come ripeteva"grazie a loro si scopre che aiutare è anche ricevere. Non ci sono muri tra chi chiede e chi dà, ma si è insieme, nel cercare, nel costruire, nel dare e nel ricevere". Forse è questo il senso dell’amore evangelico che tu, Don Egidio, hai incarnato stando non solo accanto ai poveri ma sempre dalla parte degli ultimi, perché l'amore è questo: un atto di fede che si realizza nella verità delle opere.

Domani alle ore 11,00, a Tolfa, nella Chiesa di Sant'Egidio, sarà celebrata la funzione religiosa per salutare Don Egidio

La Presidenza e il Consiglio direttivo FICT

Posted in approfondimenti

Commenti (0)

Lascia un commento

LOGIN_TO_LEAVE_COMMENT